La Gallura e Tempio Pausania

La Gallura

Il più delle volte, quando si sente parlare di Gallura e della Sardegna, affiorano nella mente le splendide coste frastagliate della Maddalena, le grandi rocce che danno sul mare, la splendida città di Olbia con il suo Golfo e il suo porto, la vegetazione formata dalla macchia mediterranea.

La Gallura è una regione storica della Sardegna che ingloba le province della Sardegna Nord-Orientale e dunque La Maddalena, Olbia e Tempio Pausania per citarne alcuni tra i più noti.
Dal punto di vista geografico, all'interno si rivela pressoché montuosa con vette che superano più di mille e trecento metri e di natura granitica e per tale ragione il suolo risulta poco coltivato con conseguente limitatezza della produzione agricola.

Tempio Pausania, comune facente parte della provincia di Sassari da cui dista un'ottantina di chilometri, è uno dei maggiori centri della Gallura, in crescita nella produzione di sughero e nell'allevamento suino e bovino; situato ai piedi del Monte Limbara, affascina per i suoi viottoli e per i suoi palazzi in granito che circondano le altrettanto incantevoli piazze e che, nonostante la loro semplicità artistica, riscuotono notevole successo tra tutti i turisti.
Il nome della cittadina deriva da 'Fausania', termine con cui era chiamata la città di Olbia ai tempi in cui Tempio Pausania era sede vescovile della sua diocesi.

Da visitare la Cattedrale di San Pietro, ristrutturata nei secoli scorsi e risalente al Duecento, che si erge in tutta la sua bellezza secondo i canoni dettati dallo stile barocco con cui venne rivisitata nell'Ottocento; del XV secolo invece è il suo campanile, mentre l'interno conserva due altari del Settecento ben lavorati e in oro.
L'edificio adorna Piazza San Pietro, a sua volta posta nei dintorni di Piazza Gallura; chi volesse continuare il percorso di visita dei luoghi sacri, consigliamo di recarsi nelle vicine Chiese di Santa Croce, della cinquecentesca San Francesco e di San Giuseppe.